BOOK PRIDE 2017: LA FIERA DEGLI EDITORI INDIPENDENTI III edizione

Ricevo e volentieri pubblico.

BOOK PRIDE
LA FIERA DEGLI EDITORI INDIPENDENTI
terza edizione

24-26 MARZO 2017

BASE Milano
Via Bergognone, 34

Venerdì 24 marzo, alle 15,00, con la partecipazione del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno, Piero Dorfles e Gino Iacobelli, Presidente di ODEI, si inaugura la terza edizione di BOOK PRIDE, la fiera degli editori indipendenti organizzata da ODEI (Osservatorio degli Editori Indipendenti), in collaborazione con il Comune di Milano, che torna per il secondo anno negli spazi dell’Ex Ansaldo BASE e Mudec.

A seguire, alle 18.30, la voce, cosmopolita, anticonformista e profonda di Moni Ovadia, ci accompagnerà in un viaggio alla scoperta dello “straniero”, partendo dalle parole di Franz Rosenzweig, Yulia Kristeva e Albert Camus.  

L’ingresso per il pubblico è gratuito.

Venerdì 24 marzo       ore 14.00-21.00
Sabato 25 marzo         ore 10.00-21.00
Domenica 26 marzo   ore 10.00-20.00

 

Dopo il grande successo di pubblico dell’edizione 2016 che ha registrato oltre 30.000 presenze, la terza edizione di BOOK PRIDE si annuncia ancora più partecipata e ricca di espositori, eventi, ospiti, con oltre 200 case editrici e più di 160 stand. Circoli di lettori, librerie indipendenti, biblioteche, saranno protagonisti, insieme agli editori indipendenti, di centinaia di incontri che per 3 giorni coinvolgeranno la città. Gran parte degli spazi dell’ex Ansaldo saranno infatti sede di laboratori, presentazioni di libri ed eventi culturali. Tornerà anche BOOK YOUNG, lo spazio dedicato ai piccoli lettori, che nell’edizione precedente ha avuto un boom di partecipazione. Nei giorni della fiera non mancherà BOOK PRIDE OFF, con incontri e iniziative da Verso Libri e in altre librerie, grazie alla collaborazione con la LIM (Librerie Indipendenti Milanesi).

Il fil rouge che attraversa BOOK PRIDE 2017 è il Tema dello straniero, figura di una diversità che non permette indifferenza, come ci ricorda Meursault, lo Straniero di Albert Camus, che nelle sue ultime ore in prigione si apre per la prima volta alla «dolce indifferenza del mondo», negata, per definizione, a chi è e si sente “diverso”. Suddivisa in macro aree tematiche (letteratura, attualità, idee) che convocano grandi personalità e protagonisti emergenti, questa edizione prevede confronti, dibattiti, incontri a due perché la diversità si faccia dialettica e il breve tratto di un palco sia già di per sé segno di coesistenza e pluralismo. BOOK PRIDE 2017 accoglie lo straniero, aprendosi alle differenze del mondo; un’apertura che è il metro sicuro di ogni vera indipendenza.

 

Fra gli INCONTRI principali direttamente a cura di BOOK PRIDE, un dibattito sui sessant’anni di trattati europei visti da scrittori, lettori, librai e uomini e donne di cultura, con la partecipazione di David Sassoli (venerdì 24 marzo, ore 10.30); Gianni Barbacetto, Peter Gomez e Marco Travaglio parlano di “Mani pulite” in occasione del venticinquesimo anniversario dell’inchiesta giudiziaria che ha decretato la fine della prima repubblica (domenica 26 marzo, ore 17); Goffredo Fofi e Giorgio Fontana in dialogo sullo “Straniero” (domenica 26 marzo, ore 18); una riflessione sull’America post-Trump di Furio Colombo e Antonio Padellaro (sabato 25 marzo, ore 12); Banditi di carta con Massimo Carlotto, Alessandro Robecchi e Luca Crovi (sabato 25 marzo, ore 16); Io, nessuno e centomila. La scrittura del sé e la scrittura del reale, un dialogo tra  Wu Ming2 e Alberto Rollo (sabato 25 marzo, ore 17); Lo straniero nella Torà e nel Talmud con il Rabbino Roberto della Rocca e Stefano Levi Della Torre (domenica 26 marzo, ore 12); Mostri libreschi e libri mostruosi sul genere fantastico con Vanni Santoni e il disegnatore Luigi Serafini, creatore del celebrato ed enigmatico Codex Seraphinianus (domenica 26 marzo, ore 12); un incontro sul grande esodo e sulle migrazioni con il giornalista tedesco Wolfgang Bauer (domenica 26 marzo, ore 16); un approfondimento sul concetto di Frontiera con Franco Farinelli (domenica 26 marzo, ore 12), e su quello di Cittadinanza con Sara Farolfi e Daniele Giglioli (sabato 25 marzo, ore 12); una conversazione tra gli artisti Adrian Paci e Beatrice Catanzaro sul ruolo di denuncia della produzione artistica (sabato 25 marzo, ore 12); un incontro per conoscere il fenomeno della letteratura della migrazione in lingua italiana con Pap Khouma e Cheikh Tidiane Gaye (sabato 25 marzo, ore 17); un incontro su due geniali poliglotti a confronto, Samuel Beckett e Vladimir Nabokov, con Gabriele Frasca e Serena Vitale (sabato 25 marzo, ore 17). Infine Liu Zhenyun, scrittore e sceneggiatore cinese di fama internazionale, che in occasione della sua visita all’Istituto Confucio sarà ospite di BOOK PRIDE per incontrare i suoi lettori (domenica 26 marzo, ore 15).

Sono previsti anche quest’anno una serie di INCONTRI professionali dedicati soprattutto a editori, librai e operatori della filiera, fra i quali il focus sul rapporto tra gli italiani e la letteratura e sullo stato di salute di quest’ultima secondo i dati Istat, con Francesca Brait ed Elisabetta Del Bufalo (sabato 25 marzo, ore 11); un punto sul percorso verso una nuova legge sul libro che vede un ampio fronte di librai ed editori che chiedono la revisione della legge Levi sul prezzo del libro per difendere la bibliodiversità e adeguare la nostra legislatura a quella degli altri paesi europei (venerdì 24 marzo, ore 17); un incontro sulle prospettive della rappresentanza di editori e librai, con Cristina Giussani (Sil), Fabio Masi (libraio) e Marco Zapparoli (domenica 26 marzo, ore 12); una riflessione sulla nuova vita delle librerie indipendenti con Angela di Biaso (Messaggerie) e alcuni rappresentanti di librerie indipendenti (domenica 26 marzo, ore 16); le storie e le idee di Letti di notte e Italian Book Challenge e le vie della promozione della lettura (domenica 26 marzo, ore 14).

Numerosi infine gli INCONTRI organizzati dalle case editrici indipendenti presenti a BOOK PRIDE, tra i quali la questione razziale secondo Ta-Nehisi Coates con Fabio Deotto (Codice Edizioni, venerdì 24 marzo, ore 18); una presentazione de La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato (Fazi, venerdì 24 marzo, ore 20); Gianni Passavini presenta Porno di carta, l’avventurosa storia di Saro Balsamo, l’editore che diede l’hardcore all’Italia con le riviste Men e Le Ore (Iacobelli Editore, sabato 25 marzo, ore 12); il reporter e scrittore polacco Wojciech Jagielski, autore del romanzo Vagabondi notturni, incontra Francesco Cataluccio (Nottetempo, 25 marzo ore 13); una presentazione di Mash, libro culto dello scrittore americano Richard Hooker che ha ispirato gli omonimi film e serie tv, con Marco Rossari e Federico Baccomo (SUR, sabato 25 marzo, ore 14); Bruno Gambarotta presenta Non si piange sul latte macchiato con Massimo Cirri (Manni Editori, sabato 25, marzo ore 12); L’Iran Svelato. Da Stato ‘canaglia’ a grande opportunità. Le verità nascoste (ci) sulla nuova Persia di Fabrizio Cassinelli (Cdg – Centro di documentazione giornalistica, domenica 26 marzo, ore 11); 1977, quarant’anni dopo, presentazione del romanzo La guerra è finita e del saggio I sogni e gli spari con i rispettivi autori Lucia Guarano ed Emiliano Sbaraglia (Round Robin, sabato 25 marzo, ore 15); la presentazione di Requiem per un’ombra di Mario Pistacchio e Laura Toffanello (66thand2nd, sabato 25 marzo, ore 15); una riflessione a partire da Dead Zone di Philip Lymbery, inchiesta sugli allevamenti intensivi e sui falsi miti dei sistemi di produzione industriali (Nutrimenti, sabato 25 marzo, ore 17); Franco La Cecla  presenta il suo Manuale di autodifesa per viaggiatori: jet lag (Meltemi, sabato 25 marzo, ore 18); un incontro con Wu Ming 2, Ivan Brentani e Maurizio Landini (segretario nazionale Fiom) su come la letteratura scritta dai protagonisti in carne e ossa può spiegare cinquant’anni di trasformazioni del lavoro, in occasione dell’uscita del libro Meccanoscritto, nato dal ritrovamento di racconti scritti per un concorso letterario per operai indetto negli anni Sessanta da Luciano Bianciardi (Alegre, sabato 25 marzo, ore 18.30); l’incontro performance di Marco Rossari dedicato a Bob Dylan. Il fantasma dell’elettricità (add editore, sabato 25 marzo, ore 15); Massimo Cuomo presenta il romanzo Bellissimo mentre Massimo Canuti Le coincidenze dell’estate (edizioni e/o, sabato 25 marzo, ore 19); in ricordo della figura di Primo Moroni e dei quarant’anni dell’occupazione autogestita del Conchetta, Oreste Scalzone racconta il suo ’77 e poi… (Mimesis, sabato 25 marzo, ore 19); la presentazione di L’Alleanza dei corpi di Judith Butler con il curatore del libro Federico Zappino e la filosofa Cristina Morini (Nottetempo, sabato 25 marzo, ore 19); Non cercare di spiegarmi la poesia, reading di e con Manuela Dago, Marco Mantello e Roberto Canella (Sartoria Utopia, sabato 25 marzo, ore 19); Attacco all’arte. La bellezza negata di Simona Maggiorelli (L’asino d’oro, domenica 26 marzo, ore 13); un omaggio a Giovanni Arpino in occasione dei 90 anni dalla nascita (Lindau, domenica 26 marzo, ore 13); minimum fax presenta in anteprima le novità grafiche ed editoriali della casa editrice, intervengono Luca Briasco, Daniele di Gennaro, Giorgio Gianotto e Patrizio Marin (domenica 26 marzo, ore 13); un dialogo tra Tito Faraci, Vanni Santoni e Jacopo Nacci, autore della Guida ai Super Robot. L’animazione robotica giapponese 1972-1980 (Odoya, domenica 26 marzo, ore 14); La mia prima volta con De André, un incontro con parole e musica dedicato al cantautore genovese (Ibis Edizioni, domenica 26 marzo, ore 15); l’autore Piero Cipriano e il cantautore Pierpaolo Capovilla dialogano sui temi della pratica psichiatrica e sui servizi di salute mentale, rileggendo brani della Trilogia della riluttanza (Eleuthera, domenica 26 marzo, ore 17); una presentazione del libro Dentro la sera. Conversazioni sulla scrittura di Giuseppe Pontiggia (Belleville Editore, venerdì 24 marzo, ore 19); Wolfgang Bauer presenta in compagnia della giornalista Viviana Mazza Le ragazze rapite: Boko Haram e il terrore nel cuore dell’Africa (laNuovafrontiera, domenica 26 marzo, ore 17); Lars Gustafsson, un filosofo alle prese con il giocattolo della letteratura, Emilia Lodigiani, Marta Morazzoni, Alessandra Iadicicco e Alessandro Zaccuri ricordano lo scrittore e drammaturgo svedese a un anno dalla scomparsa (Iperborea, domenica 26 marzo, ore 18).  

Con il patrocinio del Consolato Svizzero e in collaborazione con Pro Helvetia, in programma anche alcuni incontri dedicati ai maggiori rappresentanti della letteratura svizzera, fra gli altri Hermann Bürger, scrittore ossessivo e geniale, (L’Orma Editore); i grandi classici Frisch e Dürrenmatt (Del Vecchio editore); Oscar Peer (Casagrande Edizioni); Urs Widmer (Keller editore).

Per i più piccoli lo spazio BOOK YOUNG, dedicato alle produzioni dell’editoria indipendente per ragazzi e a laboratori per bambini, in collaborazione con Babalibri, Beisler Editore, Carthusia Edizioni, Edizioni Curci, Editoriale Scienza, Edizioni Corsare, Fasi di Luna, Gallucci Editore, Il Castoro, Terre di mezzo Editore e Uovonero.

Per la terza edizione di BOOK PRIDE, Belleville La Scuola, bookabook, BASE Milano e ODEI lanciano un concorso letterario sui generis, che premia l’efficacia nella presentazione di un progetto editoriale e l’intraprendenza degli autori. Obiettivo del concorso: dare la possibilità a scrittori esordienti, o aspiranti tali, di confrontarsi con il mercato del libro attraverso un pitch della propria opera ad agenti letterari.

Anche quest’anno BOOK PRIDE accende i riflettori sul tema della traduzione: la scorsa edizione è stata l’occasione per un momento di svolta nell’editoria italiana indipendente con la firma del protocollo d’intesa “Le buone pratiche per un’editoria sana” tra ODEI (Osservatorio degli editori indipendenti) e STradE (Sindacato traduttori editoriali), grazie al quale sono state delineate le linee guida per un rapporto etico tra editori e traduttori. Nel 2017 l’attenzione si sposterà dai professionisti a chi vuole avvicinarsi al lavoro del traduttore attraverso tre laboratori di traduzione, in occasione dei quali sarà possibile cimentarsi con la traduzione di brevi brani tratti da volumi di prossima pubblicazione: il laboratorio di spagnolo con Juan José Saer e il suo Le nuvole (laNuovafrontiera) insieme a Gina Maneri (venerdì 24 marzo); il laboratorio di inglese con Evie Wild, All the birds, Singing (Safarà Editore) e Monica Pareschi (sabato 25 marzo); e infine quello di francese su Julien Green, Vertigine (Nutrimenti), in compagnia di Giuseppe Girimonti Greco (domenica 26 marzo).

Dopo il successo dello scorso anno, torna il fanta-book, il gioco promosso da ODEI con il quale tutti i visitatori di BOOK PRIDE potranno cimentarsi, diventando editori per un giorno.

 

Alla fine di ogni giornata tornano gli appuntamenti di Book Pride OFF, in programma da venerdì a domenica alle 21 da Verso Libri, dove in un inedito gioco delle parti gli scrittori intervisteranno i librai di alcune delle più importanti e interessanti realtà italiane: venerdì 24 marzo Claudio Moretti della libreria Marcopolo di Venezia e Danilo Dajelli della libreria Gogol & Company di Milano raccontano i loro progetti a Davide Mosca; sabato 25 Chiara Bottani e Diletta Colombo dello Spazio b**k di Milano e Antonio Brizioli dell’Edicola 518 di Perugia insieme a Emiliano Ponzi; infine domenica 26 Pietro Malaspina della libreria Todo Modo di Firenze e Fabio Masi delle librerie L’ultima spiaggia di Camogli e Ventotene e L’amico ritrovato di Genova con Vanni Santoni.

 

L’orgoglio dell’editoria indipendente cresce e si mette in viaggio per l’Italia. Il primo appuntamento è in programma a Genova per tre giorni di incontri con gli autori, dibattiti, letture (Palazzo Ducale 20-22 ottobre 2017).

 

 

About Giancarla Paladini

Rispondi