Biografia

Qualcosa di me

giancarla-paladini
Giancarla Paladini

Ho iniziato a lavorare ancora ragazzina nelle allora neonate radio private (quelle davvero “libere”, tanto per capirci) in un caldo e oramai lontanissimo mese di luglio del 1976.
Il bello della radio è che ti fa crescere e così, sia pure senza mai tradire il microfono – anzi! – ho iniziato a lavorare anche con telecamere e carta stampata, a curare uffici stampa, a calcare il palcoscenico per letture di prosa, poesia e melologhi, a presentare spettacoli musicali ed eventi, a moderare incontri letterari: ma molto, molto altro ci sarebbe da aggiungere, se non risultasse noioso e un filo troppo autoreferenziale.
Ancora non mi sembra vero di potermi muovere da così tanto tempo fra le mie passioni: la letteratura, la musica, il teatro, il cinema, le arti figurative,  le scienze (ma non la matematica!)
Mi affascina la cultura, insomma, ma non disdegno di certo la buona cucina, l’interior design e il giardinaggio: sempre grazie al mio mestiere, ho unito l’utile al dilettevole conducendo rubriche specifiche in radio e tv … quando ancora eravamo ancora in pochi a farlo!
Sono curiosa del mondo e di chi lo popola, e considero gli incontri il sale del mio lavoro. Impossibile qui ricordare tutte le persone che, in questi lunghissimi anni volati più veloci del vento, ho avuto il privilegio di avvicinare grazie alla mia professione: certamente da ciascuno ho preso e appreso.
Non mi piace chi dice, o fa dire, “Ho fatto questo, ho conosciuto tizio”, perchè penso che una vita, anche quella professionale, se ridotta ad una specie di lista della spesa sia mortificante per sé e pochissimo illuminante per gli altri. Nei famigerati curricula si possono trovare mille cose, ma non il suono dell’anima: peccato che senza anima non si vada da nessuna parte, specie nel mio lavoro.
E pazienza, se a volte sembra il contrario.
Tuttavia voglio inserire una ristretta, per quanto apparentemente ampia, lista dei protagonisti della cultura che ho fino ad oggi avuto il piacere di intervistare: scorrendola si conoscerà di me molto più di quanto potrei dire con altre parole.
Purtroppo nell’elenco non compaiono molti nomi, a cominciare da quelli delle migliaia di ascoltatori, telespettatori, lettori e pubblico di sala che negli anni mi hanno sempre confortata e ancora mi appoggiano con stima ed affetto. Ricambiati, assolutamente.
Fra gli altri ho intervistato (in ordine alfabetico):
Simonetta Agnello Hornby, Umberto Ambrosoli, Alberto Angela, Piero Angela, Arisa, Antonia Arslan, Adriana Asti, Gae Aulenti, Corrado Augias, Giuseppe Ayala, Esmahan Aykol, Luis Bacalov, Ramin Baharani, Julia Baird (Lennon), Nanni Balestrini, Ishmael Beah, Ermanno Bencivenga, Edoardo Bennato, Alessandro Benvenuti, Loredana Berté, Pete Best, Luca Bianchini, Rita Borsellino, Elisabetta Bucciarelli, Fabio Bussotti, Antonio Caprarica, Sergio Caputo, Beppe Carletti, Gianrico Carofiglio, Flavio Caroli, Aldo Cazzullo, Stefano Cerri, Caterina Chinnici, Fabio Concato, Simone Cristicchi, Luca Crovi, Giuseppe Culicchia, Gaetano Curreri, Lucio Dalla, Michele Dalai, Enrico De Angelis, Maurizio De Giovanni, Francesco De Gregori, Roberto Denti, Franz Di Cioccio, Stefano D’Orazio, Osvaldo Guerrieri, Inge Feltrinelli, Gian Arturo Ferrari, Ernesto Ferrero, Giorgio Fontana, Alberto e Carlotta Guareschi, Edgarda Ferri, Eugenio Finardi, Ivano Fossati, Paolo Fresu, Adolfo Galli, Fabio Genovesi, Silvana Giacobini, Nini Giacomelli, Antonio Giacometti, Paolo Giordano, Loretta Goggi, Federico Grom, Enzo Guaitamacchi, Nadia Gulam, Federico Guiglia, Guido Harari, Thomas Enger, Igort, Flavio Insinna, Mario Lavezzi, Franca Leosini, Caudio Lolli, Carlo Lucarelli, Nicola Ludwig, Federico Maggioni, Licia Maglietta, Marco Malvaldi, Marco Mancassola, Antonio Manzini, Anna Marchesini, Ivano Marescotti, Guido Martinetti, Marta Marzotto, Lorenzo Mattotti, Loreena Mc Kennitt, Mario Melazzini, Marco Messeri, Alfredo Rapetti Mogol, Giulio Rapetti Mogol, Luca Montersino, Gianni Morandi, Morando Morandini, Giovanni Moro, Giulia Maria Mozzoni Crespi, Gianni Mura, Franco Mussida, Nada, Joaquin Navarro Valls, Carlo Nesti, Gabriele Nissim, Augusto Odone, Gian Paolo Ormezzano, Ferzan Özpetek, Mauro Pagani, Marco Pagot, Giuseppe Panza di Biumo, Ben Pastor, Lorenzo Pavolini, Omar Pedrini, Romana Petri, Bianca Pitzorno, Domenico Quirico, Alberto Radius, Francesco Recami, Lucia Rizzi, Claudio Rocchi, Ron, Andrea Rosi, Mimmo Rotella, Enrico Ruggeri, Mariano Sabatini, Sveva Sagramola, Shel Shapiro, Dario Salvatori, Gaetano Savatteri, Padre Bartolomeo Sorge, Fabio Stassi, Teresa Sarti Strada, Gino Strada, Aldo Tagliapietra, Susanna Tamaro, Marco Tomatis, Giuseppina Torregrossa, Umberto Tozzi, Paola Turci, Ornella Vanoni, Dario Vassallo, Roberto Vecchioni, Marco Videtta, Pamela Villoresi, Lia Volpatti, Lina Wertmϋller, Stefano Zecchi, Renato Zero, Luca Zingaretti, Zucchero.
…Ma spero che l’elenco si allunghi: ho ancora troppo da imparare!

Canzone consigliata: “Smisurata preghiera”, Fabrizio De André e Ivano Fossati

Contatti personali

e-mail: info@giancarlapaladini.it

Social Network